Macchiaioli in Toscana

Vincenzo Cabianca - Riposo in Montagna Firenze, alla fine del 1850, vide l’esordio di una compagnia di giovani pittori insofferenti all’insegnamento accademico. Essi solevano ritrovarsi nei locali del Caffè Michelangelo per poter discutere ed aggiornarsi sul fare della pittura, ed insieme ebbero la fortuna di poter visitare la vasta collezione di quadri del principe russo Demidoff nella sua villa a Firenze, ricca di quadri di pittori francesi come Ingres, Corot e Delacroix. Stiamo parlando di Telemaco Signorini e Serafino De Tivoli che furono insieme a Cristiano Banti e Vincenzo Cabianca i primi che si presentarono alla Promotrice di Torino con un linguaggio completamente rinnovato.

Furono chiamati "macchiaioli" per l’esasperata accentuazione del chiaroscuro tramite la stesura di "macchie" di colore. Nello svolgere il loro lavoro dimenticarono la nozione del "disegno" che precede l’elemento cromatico e di fatto privilegiarono la tecnica che allineava "macchie" di colore e di chiaroscuro: l’effetto all’occhio dello spettatore è guizzante e colmo di luce. Sempre di più si dedicarono alla pittura eseguita dal vero e per poter studiare la luce in ogni sua vibrazione la condizione necessaria era dipingere direttamente sul posto. Impossibile non recarsi all’aperto, all’interno dell’atelier non si potevano certo cogliere le intonazioni di luce necessarie per l’esecuzione dell’opera.

Telemaco Signorini - Gioie materne Ed insieme ai già menzionati ci furono Vito D’Ancona, Raffaello Sernesi, Giuseppe Abbati e Odoardo Borrani, che passarono un periodo molto fertile recandosi a dipingere a S. Marcello Pistoiese e poi Giovanni Fattori, il più appartato rispetto ai compagni, ma sicuramente il più grande. Coscienza critica, amico e sostenitore dei nostri fu Diego Martelli, che ebbe la possibilità di ospitarli ripetutamente nella sua tenuta a Castiglioncello negli anni che vanno dal '61 al '67. Fu così che si definì il periodo cosiddetto della "scuola di Castiglioncello", proprio per il numero di opere che vennero prodotte grazie a questi rinnovati soggiorni che consentirono ai nostri artisti una totale immersione in quello splendido scenario della proprietà di Martelli. Contemporaneamente a Firenze maturava l’altra grande personalità dei macchiaioli, Silvestro Lega, che ci ha lasciato dei magnifici brani pittorici nel periodo in cui dipingeva in un quartiere fuori Firenze, chiamato Piagentina, alla fine degli anni sessanta. In seguito, agli inizi degli anni settanta, fecero parte della compagnia anche Giovanni Boldini e Giuseppe De Nittis, che successivamente si stabilirono a Parigi. E’ singolare pensare che proprio in questi stessi anni, con esattezza nel 1874, a Parigi nell’atelier del fotografo Nadar, esponevano per la prima volta gli impressionisti.

Completano il nucleo dei pittori macchiaioli Adriano Cecioni, Nino Costa e Antonio Puccinelli. Pur essendo più giovani, anche Eugenio Cecconi, Niccolò Cannicci ed Egisto Ferroni hanno aderito, seppur in parte e tardivamente, al movimento macchiaiolo.

Testi: Cecilia Iacopetti



Per approfondire l'argomento vi consigliamo i seguenti libri:

I macchiaioli. I capolavori della collezione Mario Taragoni I macchiaioli. I capolavori della collezione Mario Taragoni

Editore: Skira
Curatore: Paolucci A. - Bietoletti S.
Pagine: 152
Data pubblicazione: 2008
Prezzo: € 35,00

Il catalogo, realizzato in occasione della grande mostra veneziana tenutasi a Palazzo Cavalli Franchetti dal 9 marzo al 27 luglio 2008, permette di vedere riunita, per la prima volta in modo completo, la prestigiosa collezione di dipinti dell'Ottocento toscano del grande collezionista genovese, Mario Taragoni ...

» Acquista su Unilibro «

I macchiaioli

I macchiaioli

Autore: F. Mazzocca e C. Sisi (a cura di)
Editore: Marsilio
Pagine: 368
Data pubblicazione: Dec 2003
Prezzo: € 45,00

Palazzo Zabarella 27 settembre 2003 - ’8 febbraio 2004. La più ampia mostra sui Macchiaioli che sia stata realizzata negli ultimi decenni: 130 opere, e tra esse molti dei capolavori del movimento, provenienti tutti da importanti musei pubblici e autorevoli collezioni private ...

» Acquista su Unilibro «

I Macchiaioli. Sentimento del vero. Catalogo della mostra (Torino, 16 febbraio-10 giugno 2007)

I Macchiaioli. Sentimento del vero. Catalogo della mostra (Torino, 16 febbraio-10 giugno 2007)

Editore: Mondadori Electa
Curatore: Dini F.
Pagine: 255
Data pubblicazione: 2007
Prezzo: € 36,00

La mostra propone un itinerario di oltre cento opere, articolato in otto sezioni, volto a studiare l'originale e rigoroso rapporto dei Macchiaioli con "i principi del vero". La prima sezione (Origine e affermazione della "macchia") esemplifica con noti capolavori di Telemaco Signorini i Vito D'Ancona, di Giovanni Fattori, di Raffaello Sernesi, l'invenzione della "macchia" ...

» Acquista su Unilibro «

 

© Galleria d'Arte Bacci di Capaci - Lucca

© Galleria d'Arte "Studio d'Arte dell'800" - Via Roma 63/67
57126 Livorno / Lucca Italy - Tel. +39 0586 815200 - P.I. 01065020495